Vedere la musica. L’arte dal Simbolismo alle Avanguardie – Rovigo, Palazzo Roverella – 1.04.2021/4.07.2021

Una lunga storia di relazioni tra le arti figurative e quelle sonore.
Alla fine del XIX secolo, si assiste all’affermarsi in tutta Europa di un filone artistico che si ispira alle opere e alle teorie estetiche di un compositore carismatico e affascinante come Richard Wagner: i miti nibelungici, la leggenda di Tristano e Isotta, l’epopea del Graal, il tutto spesso condito di implicazioni esoteriche.
A partire dal primo decennio del Novecento, però, la riscoperta di Johann Sebastian Bach e il fascino esercitato dalla purezza dei suoi contrappunti vengono a sostituirsi al modello wagneriano, non solamente in campo musicale. Infatti, il cammino in direzione dell’astrattismo troverà riscontro nell’aspirazione della pittura a raggiungere l’immaterialità delle fughe di Bach, alluse nei titoli delle opere di Vasilij Kandinskij, Paul Klee, František Kupka, Félix Del Marle, Augusto Giacometti e molti altri.
La mostra propone una sinfonia di capolavori da Vasilij Kandinskij a Pierre-Auguste Renoir, passando per Marc Chagall e Giacomo Balla, oltre a preziosi disegni di Pablo Picasso, Gustav Klimt e Le Corbusier.
Official website: http://www.palazzoroverella.com/mostra/vedere-la-musica/

Palazzo Roverella – Via Giuseppe Laurenti, 8/10 Rovigo
Contact center per info e prenotazioni:
da lunedì a venerdì 9.30 – 18.30; sabato 9.30 – 13.30
Tel. 0425 460093
È obbligatoria la prenotazione del biglietto.
Orari: dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 19.00; sabato, domenica e i giorni festivi dalle 9.00 alle 20.00
Biglietti
Intero: 12 euro
Ridotto: 8 euro (6-18 anni, studenti universitari, over 65)
Gratuito: Bambini fino a 5 anni; portatori di handicap e 1 accompagnatore.